“Animali senza colpe uccisi da umani terrificanti”. Le dure parole della Santacroce sui botti di Capodanno

Isabella Santacroce, scrittrice eclettica particolarmente attenta alla tematica animalista, si scaglia contro l’opera dell’essere umano, capace di partorire inutili fuochi pirotecnici che, anche in questa Vigilia di Capodanno, hanno mietuto vittime innocenti.

Botti di Capodanno, centinaia di uccelli morti a Roma (VIDEO)
ecco la foto che sta girando sul web. Fonte: blogsicilia.it

In molti hanno impresse le immagini dello stormo di piccioni morti nella Capitale per lo spavento del forte rumore dei botti. Basta inoltre girovagare sui social per trovare foto denunzie di gatti e cani scappati e, peggio ancora, uccisi. Gran parte deceduti a causa della potenza di fuoco degli esplosivi, altri persino di infarto.

“Allo scoccare della mezzanotte è scoppiata la guerra. – ha dichiarato la Santacroce, che ha aggiunto – Le gente rinchiusa nelle proprie galere ha gettato bombe dalle finestre. Così ha salutato l’arrivo del nuovo anno. Ammazzando animali. Credeva forse in questo modo di migliorare la situazione? Eppure da tanto sappiamo che i botti di capodanno causano la fine di chi mai ha avuto colpe. Preghiamo salvezza, perché in questo mondo di umani terrificanti ne abbiamo tutti bisogno.”

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.