Come plasmare nuovi consumatori ricreando habitat naturali: il metodo Donald & Canter

La salvaguardia dell’ambiente e la tutela di flora e fauna non è solo un tema di curi ricordarsi nel fine settimana, dopo sei giorni lavorativi in città in cui si sono accumulati rifiuti su rifiuti per lo più degradabili ogni cento anni.

Ne sanno qualcosa le grandi catene di distribuzione, paradossalmente sempre più attente al posizionamento sugli scaffali dei prodotti sì da evidenziarne siano bio, a chilometro zero, e figli di allevamenti non intensivi.

Ma non si risolve tutto solo nella necessita di offrire alla clientela un servizio. Occorre creare nuovi consumatori, possibilmente fidelizzati con quella catena di supermercato. Ed ecco che psicologia ed ecologia si uniscono.

Derivata dal cognitismo sociale, la psicologia ambientale ha ad oggetto l’interazione uomo – ambiente, valutando il comportamento dello stesso quando va a fare la spesa.

Pare difatti che secondo le teorie Donald & Canter, i consumatori sarebbero maggiormente inclini all’acquisto laddove si ritrovino in scaffali accoglienti, adeguatamente colorati con tonalità che in maniera vivida ricordano Madre Natura: il marrone della terra, l’azzurro dei mari, e persino il bianco dei ghiacciai.

Ad esempio, per indicare un reparto di congelati, non si adopereranno di certo colori caldi. E quindi viva immagini di ghiacciai, pinguini e orsi polari se occorre vendere merluzzo e mollame congelato.

Idem per i succhi di frutta. Per apparire il quanto più possibile figli di naturali processi di maturazione al sole, verranno venduti in scaffali rossi, arancioni e gialli, ricreando nella mente del consumatore quei dolci climi estivi con tanto di amaca e ventaglio.

La teoria prende spunto anche dall’olismo che ritiene il mondo una sommatoria delle singole parti, come una catena biologica, implicando interazioni, commistioni e lotte per la sopravvivenza. Nella sua versione psicologica, l’olismo si propone quant’anche di curare disturbi psicologici come ansie e depressioni, indagando a fondo il rapporto mente-corpo alla luce dell’Io interiore e di Madre Natura.

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.