Coronavirus: aumentano i sex toys, e uno studio santifica l’eiaculazione

Gli arresti domiciliari su decisione del governo non eletto Conte hanno aumentato la voglia di scopare degli italiani. Secondo i dati statici forniti da Tecnhavio, il mercato dei sex toys è aumento di sette punti percentuali nel solo 2020.

E il futuro lascia ben sperare. Con le maggiori imposizioni sulla libertà, e il dilagante uso di pc causa smart working, gli addetti al settore ritengono che il mercato dei giocattoli erotici possa aumentare ancora, con picchi del 35% nel 2021.

Sebbene le raccomandazioni di molti medici che sconsigliavano di fornicare nei mesi della pandemia ipotizzando l’utilizzo nel preservativo e della mascherina quasi in maniera interscambiabile, gli italiani si sarebbero dati alla pazza gioia, riempiendo quei brevi sprazzi di silenzio tra un DPCM e l’altro con delle perversioni sessuali.

Secondo la Tecnhnavio, gran parte dei giochi sono per le coppie, il che lascia ben sperare per le nascite nei prossimi nove mesi. Inferiore invece sarebbe la percentuale di toys per la masturbazione e l’autoerotismo, evidentemente danneggiato dalla scelta di molti di tornare a casa dei propri genitori.

Ma c’è anche un impatto ecologico non indifferente. Come dimostra questo studio condotto nel 2015 dal Medical Daily, le donne che vengono a contatto con lo sperma sono tendenzialmente più felici. E non è solo questione di endorfine prodotte dopo anni di astinenza: parrebbe infatti che gli spermatozoi dell’uomo contengano la prolattina, capace di agire in modo diretto sull’umore di chi lo assume. Come? Con la penetrazione. La prolattina, assieme all’ossitocina e alla serotonina, dev’esser assorbito tramite ingresso vaginale.

Non solo. Lo stesso studio conferma che farsi eiaculare in viso rallenta l’invecchiamento estetico grazie alla spermina e alla sua capacità antiossidante. Non è ben chiara la posologia, motivo per cui non ci sentiamo di fornire consigli da bugiardino diversi dall’invito al darci dentro.

In fin dei conti, il sesso è come il danaro: è abbastanza solo quando è troppo.

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.