Ecco i film consigliati dall’esperto. In lizza anche la 25esima ora e Seberg

“La 25ª ora” (2002) voto: 8

Uno dei primi film girati a New York dopo l’11 Settembre e il primo a mostrare Ground Zero. Ambientazione perfetta, ottime prove attoriali di Edward Norton, Rosario Dawson, Philip Seymour Hoffman, Barry Pepper e Anna Paquin. Il monologo del protagonista allo specchio, con i suoi rabbiosi “Fanculo”, rimarrà per sempre nella storia del cinema. Sicuramente il miglior film di Spike Lee che non tratti specificamente delle comunità nere.

“Il professore e il pazzo” (2019) voto: 7,5

Le vicissitudini legate alla redazione dell’Oxford English Dictionary da parte del professor James Murray, qui interpretato da Mel Gibson, con la collaborazione dell’ex medico William Chester Minor, ovvero Sean Penn, come sempre monumentale in ruoli da disturbato mentale.

“United 93” (2006) voto: 7+

Ancora l’11/9, stavolta nel momento in cui succede tutto. Paul Greengrass mette in scena, con un cast di attori semisconosciuti, il dirottamento del quarto aereo, l’unico che non colpì l’obiettivo. Si discosta un po’ dalle ricostruzioni ufficiali, però….la tensione regge per tutto il film, che regala un finale dal trasporto emotivo commovente: il disperato ed eroico assalto dei passeggeri alla cabina di pilotaggio.

“Gone baby gone” (2007) voto: 6,5

Casey Affleck in un thriller investigativo diretto dal fratello Ben Affleck. Discreta trama e qualche buon colpo di scena. Cast arricchito dalla presenza di Ed Harris e di Morgan Freeman.

“Seberg – Nel mirino” (2019) voto: 6,5

Una brava Kristen Stewart interpreta Jean Seberg, musa della Nouvelle Vague, in tutta la sua splendida fragilità. Il film descrive la tormentata vita della diva, tra crisi depressive e persecuzioni da parte dell’FBI per il suo legame con il leader delle Pantere Nere Hakim Jamal.

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.