Natale di beneficenza per Matteo Salvini: pranzo e doni ai più bisognosi. Ma il web si divide

L'immagine può contenere: 5 persone, persone in piedi e spazio al chiuso

È un Natale di beneficenza e volontariato quello del leader del Carroccio Matteo Salvini che, nella giornata del 25 dicembre, dapprima ha consegnato i pacchi del banco alimentare alle famiglie bisognose assieme ai City Angels, poi ha trascorso del tempo con gli ospiti dell’Opera Cardinal Ferrari di Milano.

Che gioia condividere il pranzo di Natale, la tavola e le esperienze di vita con gli ospiti dell’Opera Cardinal Ferrari di Milano. – scrive sul profilo ufficiale, e aggiunge – Donne e uomini che non hanno una casa ma hanno coraggio, voglia di vivere e dignità. Come Salvatore, 60 anni e giacca e cravatta, che dopo una vicenda sfortunata ha perso la sua abitazione e vive in strada da due anni. Un pensiero, un abbraccio (e un dono concreto) a chi oggi è un po’ meno solo, grazie al grande cuore dei volontari di tutta Italia.”

Eppure la reazione non è unanime. Dai social c’è chi grida alla farsa, accusandolo di essere solo in cerca di visibilità. Altri incalzano con poco interpretabili “Ma non ci credi nemmeno tu falla finita”.

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio all'aperto
L'immagine può contenere: una o più persone, auto e spazio all'aperto, il seguente testo "2 donato da"

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.