Se semo levati er dente, ar ritorno però più cattivi. Ora assarto ai fersinei

Eccome qua, dopo un 1-4 contro ‘sti campioni der monno de stampo teutonico me sento come un ragazzino dee’ elementari che ha preso ‘na lezione de latino da Cicerone oppure come uno che s’è levato er dente dar mejo dentista der pianeta. Un po’ de’ anestesia, niente dolore…e vai cor tango Lazio mia. Certo sei stata un po’ fifoncella, troppa paura de sti mostri sacri, s’era visto subito dopo du’ secondi “bolton” Lazzari che nun sapeva che fa’ co sta cazzo de palla mentre je stavano a montà sopra ducento giocatori der bayer… limortacci loro cianno un pressing che nun è proprio pressing ma ‘na colata de lava su ‘na città senza difesa… e noi la difesa nun ce l’avevamo proprio.

Troppi regali da deficienti, palle passate, erori de gramatica che manco all’asilo der carcio se ponno fa’… serata da dimentica’ cor solito rigoretto netto negato da n’arbitro puzzone. Era er pareggio, magara ce dava un po’ de carica, ma nun era aria. Senza tifosi sembrava ‘na partita amichevole… senza sale ne’ pepe. Cioè Pepe ce stava, er nostro Reina, ma poco poteva contro sti biancorossi cazzuti. Boh, se c’eravamo noi chissà come annava a finì..

Io dico, ma se ponno fa’ solo 5 falli in 45 minuti? Certo che no, noi troppo mosci e paurosi, semo riusciti nell’impresa de regala tutto e er contrario de tutto. Oh sia ben chiaro forse perdevamo ‘o stesso però dai non così facirmente.

Dopo er primo tempo ciavevamo tutti er sentore der 7-1 de romtriste memoria, ma noi semo aaaa Lazio e nun poteva succede ‘na tragedia simile. E infatti co’ Lulic che sonava ‘a carica er seconno tempo l’amo pareggiato 1-1, ber go de “ballerino” Correa, ma sapete la cosa che m’è piaciuta de più? Er fallo de Escalante su levandoskwi… bravo Esca così se fa, jai fatto senti’ li tacchetti e in certe partite bisognava falli senti’ prima sti tacchetti e invece… Va be è annata mo’ ar ritorno chiedo solo ‘na cosa: più cattivi ragazzi perchè contro er Bayer se giochi senza grinta ‘a scoppola la pij sempre…

Daje Lazio, pensamo ar Bologna, famo sti tre punti co’ tutte le forze e er sentimento. Noi in champions ce lo volemo tornà e ora davero nun c’è più tempo da perde. Petto in fori e core cardo. Semo la esse esse Lazio 1900.

Il Piantagrane Magazine© è un progetto editoriale d'opinionismo generalista che disserta su ciò che vi pare e piace con un unico scopo: essere zona franca del lettore contro la banalità della noia per analizzare spaccati di realtà politicamente scorretti. Se volete altro, attivatevi gli RSS delle agenzie stampa.

È concessa qualsivoglia riproduzione contenutistica previa citazione de Il Piantagrane Magazine© (www.ilpiantagrane.com).

Le foto presenti su Il Piantagrane Magazine© potrebbero esser state prese da internet e pertanto valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione scrivendo a ilpiantagranemagazine@gmail.com.

Per il resto, vivi e lascia vivere ché qua chi male vive, male muore.